UNderground EXploration. Dove c'è una cavità ipogea, sia essa naturale o artificiale, e una buona dose di fascino e mistero…ci siamo noi!

Ultima

FIGLI DI UN ACCADEMIA MINORE: speleologi in cavità artificiali

Quando parliamo di speleologia (e speleologi) in cavità artificiali ci riferiamo, nello specifico, a quella particolare evoluzione della speleologia classica (o carsica) nota anche come speleologia urbana.

Ovvero come segmento specializzato della speleologia che mette la propria lente di ingrandimento allo studio degli ipogei, ambienti sotterranei di interesse storico e antropologico.

Ma di cosa si occupa uno speleologo in cavità artificiali?

Le indagini che lo speleologo svolge in cavità artificiali sono indirizzate:

  • all’individuazione geografica e tipologica del sotterraneo,
  • all’analisi delle tecniche progettuali e degli utensili impiegati,
  • alla comprensione degli scopi che hanno motivato la realizzazione di tali opere,
  • alla comparazione fra lo status attuale del territorio e quello antecedente le modificazioni.

Leggi il resto di questa pagina »

Annunci

PROGETTO ANTRO 2.0 – LA SFINGE DELLA VALGANNA

I gruppi Unex Project di Gallarate e Proteus Speleosub di Milano con la sponsorizzazione del gruppo grotte CAI Gallarate, si ritroveranno sabato 3 novembre a Casola Valsenio in provincia di Ravenna al raduno internazionale di speleologia per raccontare un piccolo angolo della Valganna denominato “Antro delle gallerie”. Per chi non lo conoscesse, il sito è costituito da chilometri di intricate gallerie scavate a mano nell’arenaria quarzosa del servino.

Leggi il resto di questa pagina »

UNA INTERESSANTE OPPORTUNITA’

Vi proponiamo, come lettura, l’articolo pubblicato sul quotidiano online Varesenews che parla del 31° corso di introduzione alla speleologia, organizzato dal Gruppo Grotte del CAI di Gallarate. Anche noi di UNEX Project abbiamo iniziato il nostro percorso appassionante nel mondo sotterraneo proprio da questo corso, coordinato dai preparati istruttori della Scuola Nazionale di Speleologia. Se vi piacerebbe immergervi nelle meraviglie del sottosuolo, riteniamo che questo percorso formativo sia efficace e dia delle solide basi a livello speleologico, necessarie per una progressione in grotta sicura.

Ci saremo anche noi come tecnici docenti, per cui sarà anche una bella occasione per conoscerci.

Qui sotto il link all’articolo su Varesenews e alla pagina del Gruppo Grotte Gallarate, che parla anche di noi.

Alla scoperta dell’affascinante mondo sotterraneo – Varesenews 25/07/2018

Gruppo Grotte del CAI di Gallarate

OPERAZIONE #SOTTERRANEI: UNEX SEMPRE ALLA RICERCA DI NUOVI LUOGHI DA ESPLORARE

Nel tal paese si parla di un corridoio che avrebbe collegato il castello alla chiesa del tal Santo, in un altro il passaggio sotterraneo sbucava al cimitero…

Cosa c’è di vero? “Segnalateci le vostre leggende, faremo ricerca“!

Il gruppo Unex Project lancia la “operazione #sotterraneo”, alla ricerca di misteri legati a passaggi segreti, tunnel perduti e dimenticati nel tempo!

In tutti i nostri paesi vi sono leggende, tramandate da generazioni sulle esistenze di #sotterranei, vie di collegamento e fuga di antichi castelli, ville nobiliari e chiese/monasteri e non solo. Sotterranei di cui tutti parlano ma di cui pochi, anzi pochissimi, conoscono la reale esistenza e meno ancora l’esatta collocazione.

Il “tipico” corridoio – se ne parla in molti paesi – che avrebbe collegato il tal castello alla chiesa del tal santo, come via di fuga per il signorotto locale.

Ma magari invece si parla di cavità molto più recenti, come i bunker costruiti qua e là ai tempi della Seconda Guerra Mondiale o ancora molto altro!

Cosa c’è di vero? Con il vostro aiuto vogliamo capire proprio questo.

Se conoscete le storie/leggende delle vostre città e avete voglia di segnalarcele, contattateci!! Come? Attraverso la nostra pagina Facebook (qui), o attraverso la mail unexproject@gmail.com.

CI FAREBBE PIACERE ASCOLTARE LE VOSTRE STORIE E PROVARE INSIEME AD APPROFONDIRLE!

NUOVI PROGETTI SOTTERRANEI “FUORI PORTA”: VITERBO

I primi mesi del 2018 portano l’aria di nuove collaborazioni sotterranee fuori porta, sintomo anche del fatto che “bene o male” quello che facciamo lo svolgiamo con una certa professionalità, che, come nella vita, porta sempre ad avere i risultati sperati!

Ma partiamo dal principio, quando ad inizio febbraio 2018, noi di UNEX Project siamo stati contattati dall’Associazione “Viterbo Sotterranea“ per un’analisi del sottosuolo della città.

Lo scopo di tale attività esplorativa è principalmente tesa a riscoprire alcuni passaggi e prosecuzioni che fin dall’epoca medievale, ma ancor prima etrusca e romana, si diramavano sotto la città, con cunicoli completamente scavati nel tufo, una roccia vulcanica che caratterizza il paesaggio attuale della Tuscia.

Mentre la vita a qualche metro sopra le nostre teste continua a scorrere nel presente, con la città brulicante di turisti, noi siamo con i piedi e con le mani tra fango, detriti e “chilogrammi” di storia, di quella storia dimenticata di cui abbiamo il dovere morale di parlare e di riportare alla luce!

La Viterbo sotterranea in parte è già visitabile per i turisti, ma trattasi di poco più di qualche decina di metri percorribili in sicurezza.

Con il nostro supporto, a breve (si spera) sarà possibile visitare delle zone prima d’ora inviolate, e sarà come un viaggio nel tempo!! Leggi il resto di questa pagina »

BUONE GROTTE DEL CIELO IVO!!

Anche noi di UNEX abbiamo appreso della notizia della scomparsa di Ivo Scacciotti, spentosi il 15 febbraio 2018 dopo una lunga malattia.

Vogliamo ricordarlo così, dopo anni di conoscenza durante le attività all’Antro delle Gallerie (Va) che era un po’ la sua seconda casa (o la sua prima grande passione), con alcuni pensieri del team “Progetto Antro 2.0” (UNEX Project e Proteus Speleosub).

Cliccando qui potete trovare l’articolo tratto dal quotidiano on line VareseNews che ne ha diffuso la notizia.

Di seguito i nostri ringraziamenti per augurargli buon viaggio…

Leggi il resto di questa pagina »

FINALMENTESPELEO

I raduni speleologici come OCCASIONE DI…

I raduni di speleologia portano sempre a grandi risultati.

Una volta l’anno il mondo speleologico (sia interessato alle cavità naturali che quelle artificiali) sospende per un fine settimana le proprie attività esplorative per scendere letteralmente “in piazza”, ed anche quest’anno è stato così, nella magnifica cornice di Finale Ligure (Sv) dal 1 al 5 novembre, dopo l’edizione del 2016 svoltasi a Lettomanoppello (Pe), nella bellissima cornice del parco nazionale della Majella.

Ma non è del raduno in sé che vorremmo parlare, ma dell’IMPORTANZA di questi raduni.

Per chi ci osserva dall’esterno potrebbero sembrare raduni “ignoranti”, fatti di sola convivialità “di quella gente a cui piace sporcarsi, girovagando per grotte nel buio assoluto” e null’altro.

C’è anche questo, ovviamente.

Ma vanno ben oltre.

Sono un OCCASIONE DI SIMPOSIO della speleologia nelle sue diverse forme ed espressioni scientifiche, con conferenze che spaziano dalla speleologia in cavità naturali a quelle artificiali, fino alla glaciospeleologia ed alla speleologia subacquea.

Leggi il resto di questa pagina »